Altre News

Il 1° novembre 2005, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha istituito, il 27 gennaio di ogni anno, il Giorno della Memoria.
Una data non casuale, ma che ricorda la liberazione, avvenuta nel 1945, del campo di concentramento di Auschwitz da parte delle truppe sovietiche dell’Armata Rossa.

Il 31 dicembre 2019 ha chiuso definitivamente il Mini sportello bancario di Ubi Banca nel Comune di Maccagno con Pino e Veddasca.

Gli amici di Progetto Zattera, Martin Stigol e Noemi Bassani propongono, per iniziare l’anno insieme, la proiezione del film d’animazione “Leo da Vinci. Missione Monna Lisa”, diretto da Sergio Manfio.

Tutti sono invitati sabato 4 gennaio 2020 alle ore 17 al Punto di Incontro di via Pietro Valsecchi 21 a Maccagno per un evento dedicato alla figura del Genio del Rinascimento italiano in occasione delle celebrazioni dei cinquecento anni dalla morte, avvenuta il 2 maggio 1519.

In questo cartone animato seguiremo le avventure del giovane Leonardo da Vinci alle prese con le sue scoperte, le sue invenzioni e, soprattutto, il suo grande sogno, quello di volare. Oltre agli amici di Leo e alla forte e determinata Lisa, di cui il ragazzo è innamorato senza saperlo, ci sono anche i pirati che cercano di recuperare il tesoro sotto il mare vicino all’Isola di Montecristo.
E proprio grazie ad una delle sue invenzioni, lo scafandro, Leo riesce a trovare il bottino prima degli altri. Ma le avventure non finiscono qui! Una storia divertente e con una morale: non smettere mai di inseguire i propri sogni, anche quando sembra impossibile realizzarli!

Un secondo appuntamento, sempre dedicato ai più piccoli, lunedì 6 gennaio 2020 alle ore 16.15 all’Auditorium di Maccagno, con la Compagnia di Cuneo “Claudio e Consuelo”.

Il titolo dello spettacolo,“Roclò”, è un termine con il quale, in piemontese, si indicano le cose inutili, vecchie e ingombranti. Che i due protagonisti trovano inspiegabilmente ammucchiati in modo disordinato in scena. Ronnie e Camilla, i due clown che hanno il compito di sgombrare il teatro, porteranno gli spettatori verso luoghi incantati, attraverso il racconto di storie piene di fascino e meraviglia: perché anche l'oggetto più umile, può essere utilizzato come strumento per eseguire brani musicali, giocolerie, numeri di destrezza e altre divertenti diavolerie.
Ecco il messaggio importante che si cela dietro questo spettacolo: il consumismo, la malattia del nostro secolo, causa di inquinamento ambientale e mentale, può essere debellata ridando vita e dignità ad oggetti apparentemente inutili ma che in realtà possono ancora essere usati, messi in ordine sugli scaffali.
Diventeranno così i protagonisti del grande circo degli oggetti abbandonati, che girerà il mondo per raccontare un’altra storia, quella di un futuro senza sprechi.

Al termine, come di consueto, una gradita sorpresa: un dolce omaggio per i più piccoli, offerto dalla Pro Loco di Maccagno e l’arrivo della Befana!

Non mancate, l’ingresso è libero.

E’ ormai diventato uno degli argomenti più discussi in questi ultimi tempi quello lanciato dal Sindaco di Maccagno con Pino e Veddasca, Fabio Passera, circa l’urgenza di realizzare la strada Piero-Lozzo per mettere in comunicazione la Valveddasca con la Valdumentina.

Bernardo Sartorio potrà finalmente riposare nel suo paese natale, Graglio, piccola frazione del Comune di Maccagno con Pino e Veddasca. Una storia commovente, la sua, come quella di tutti coloro che pagarono con la propria vita il prezzo troppo alto di ogni guerra.


Nato il 10 ottobre 1912, fu richiamato e arruolato nel 20° Reggimento Alpini Sciatori Battaglione Intra durante il secondo conflitto mondiale. Costretto a lasciare la sua famiglia (la moglie e le due figlie), morì di stenti e fatica il 19 dicembre del 1944, prigioniero dei Tedeschi a Baumholder. Qui fu sepolto, per poi essere riesumato e traslato a Francoforte sul Meno, nel Cimitero Militare Italiano d’Onore.


Dobbiamo fare un piccolo passo indietro per capire come si è potuti ad arrivare a riportare in patria i cari resti di Bernardo Sartorio. Roberto Zamboni, ricercatore veronese, aveva aiutato tante famiglie a ritrovare i propri defunti morti dopo l’8 settembre 1943. Grazie ad un articolo apparso nella rubrica “I protagonisti” (sulla “Prealpina”), il 29 gennaio 2016, la famiglia, il Sindaco di Maccagno con Pino e Veddasca, Fabio Passera, e il gruppo degli Alpini, si sono attivati immediatamente per conoscere l’esatta posizione in cui era stato sepolto Bernardo e per svolgere tutte le procedure burocratiche che avrebbero permesso il ritorno a casa.
Insieme con Sartorio, nei cimiteri della Germania e della Polonia, si trovavano 130 caduti varesini.


Quella di Bernardo è, se così si può dire, una storia a lieto fine. Immensa la gioia dei famigliari e di tutta la Comunità, che si preparano ad accoglierlo.


Sabato 28 ottobre 2017, alle 10.30, nella Chiesa dei Santi Gervaso e Protaso a Graglio, si svolgerà il funerale di questo grande uomo, che finalmente troverà la pace e la serenità nel grande abbraccio della sua famiglia, degli amici e, semplicemente, di tutti coloro che hanno conosciuto la sua vicenda e che gli devono riconoscenza e stima, come a ogni soldato che ha perso il bene più prezioso per difendere la Pace e la Libertà.

C’è un’importante novità che riguarda la frazione di Cadero, e che verrà già sperimentata tra pochi giorni, in vista del Referendum del 22 ottobre 2017.

(CG) Grazie ad una convenzione stipulata tra il Comune e l’Areu (l’Azienda regionale emergenza urgenza), a Maccagno con Pino e Veddasca sono stati posizionati, dal 2017, sette defibrillatori. In questo lasso di tempo sono stati organizzati incontri per far conoscere al maggior numero di persone come servirsene in caso di necessità.

“Concerti senza fili” è il titolo dello spettacolo che Flavio Pirini, cantautore e comico, terrà il 26 luglio al Campo Sportivo di Pino Lago Maggiore alle ore 21.

A partire da lunedì 8 aprile 2019 fino a venerdì 10 maggio 2019, nella fascia oraria dalle 8.00 alle 17.30 (esclusi i giorni festivi e prefestivi) verrà istituito un senso unico alternato su tutte le corsie - tramite movieri - sulla SS 394 del Verbano Orientale tra i km. 50+200 e 50+516.

newsletter

 

Sei interessato a ricevere la newsletters con le novità, gli eventi e le iniziative che si svolgono nel Comune di Maccagno con Pino e Veddasca? Iscriviti alla newsletter

ISCRIVITI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione